Make your own free website on Tripod.com

Poesía en Italiano

Home
Jesús Aparicio González
Claudio Simiz
Silvia Favaretto
Raúl Gómez Jattin
Vicente Antonio Vásquez
Leo Zelada
Miguel Fajardo Korea
Luis Vega Molina
Siomara España Muñoz
Cromwell Pierre Castillo
Rodolfo Ybarra
Mas obras
Reportaje
Visual: Man Ray
Homenaje: Alejandra Pizarnik
Poemas para Alejandra Pizarnik
Hospital Literario
Poesía en Italiano
Galeria de autores
Colaboraciones
Ediciones anteriores
Enlaces
Libro de Visitas
Quienes somos

MORTE DELLA MIA PRIMA DIMORA Morte della mia prima dimora

 

Nacqui viva e furiosa

mordendo il latte avvelenato

di seni che non volli

mai

lasciare

 

Nacqui feroce e macchiata

scacciata

ferendo tempie con occhi di bimbo

che ancora non si sanno

chiudere

 

E Tu

mi hai mandato a nascere morta

e senza riparo.

Ed era febbraio,

era febbraio.

 

 

IL DOLORE CHE MI ABITA NON È PIÙ CARNE
(Ciudad de Guatemala, 2004)
 
Maledetta sia la pioggia
e la morte e l'infanzia
maledetto sia il sudore
le cosce e i fianchi
maledetta sia la parola
e tutti i sensi che si trascina
maledetta sia la mia felicità
e la mia arte se mai dovessi averne
maledetti siano mia madre
e mio padre che non mi hanno mai voluto così
e maledetti siano quelli che leggono queste parole
e che la mia penna
resti muta,
che la mia penna resti muta
e non gridi più.
 

 

SERBARE (IN MEMORIAM)
 
Vivo la vita
ricordata dalla mia bisnonna.
Lei in me amò e deluse,
appese le viscere al vento,
spazzò il pavimento con i capelli.
I suoi piaceri tolsero la polvere dalla cassapanca,
si mise a letto con la mia stirpe.
Io, invece,
viaggerò con valige cariche dei suoi sogni,
sussurrerò all’orecchio
dei suoi amanti,
farò il bagno nell’acqua calda
che lei tanto desiderò,
mi laverò la sua faccia con mani
inschiumate di sapone prezioso,
mi metterò la crema sulle sue gambe
per idratarle dopo questi
cent’anni d’oltretomba,
mi dipingerò le sue unghie di
smalto scarlatto
e andrò a letto con i suoi progenitori.
 
Verrà il passato e
mi troverà morta
con i capelli sparsi nella polvere
e le dita dei piedi
smaltate di rosso.
E contenta, Dio mio,
contenta.
 
 
NIENT'ALTRO CHE FUOCO   nient’altro che fuoco
 
Di sì che voglio scrivere
ma mi escono braci
e mi sanguina il naso.
Sì voglio scrivere e ci provo
intingendo le parole in inchiostro di limone
ma bruciano gli occhi e inaridiscono le mani.
Di sì , sì ti ho detto,
voglio scrivere ma la penna brucia
e le scintille appiccano fuoco al foglio
e il legno dello scrittoio si annerisce
e cade a terra la cenere
con la mia ispirazione
e mi esce fumo dalle dita
e la mia poesia è fuoco,
nient'altro che fuoco.

 

TEMPESTA TROPICALE  Tempesta tropicale
(Cataratas de Iguazú, Misiones)
 
Le gocce
come perle effimere
si staccano dal parapetto;
trascinati dall’acqua
piovono anche fiori,
chiodi di pioggia
trafiggono il prato
che non ha rimedio alla tormenta
e si gonfia di fango.
Gli uccelli non cantano,
solo le nubi gridano.
Carpire al diluvio
solo la sua esattezza
e la sete delle radici.

 

 

Meduse
(Cuba, 2005)
 
RITORNELLO DEL PAUROSO Ritornello del pauroso
 
Alla chetichella
è arrivata la stella
con lei affondo
nel mare profondo
con lei giro
attorno al mondo
e alla morte
in un secondo.
 
SOROA
 
Partorisco i miei
versi come
papaveri in
una valle di
fiori bianchi,
sanguinano le
parole e lasciano macchie
che sbocciano,
spargo poesie
nel giardino
immacolato.
Ma è la poesia
che partorisce me.
 
Aguavivas
(Cuba, 2005)
 

 

STELLA MARINA
 
Vieni a leccarmi i piedi, onda
risucchiami in un
abbraccio di pesci
grigi
baciami i fianchi
con le tue labbra
fresche d'acqua,
legami
con le alghe
le caviglie,
riempimi del tuo
sale gli occhi
e la bocca,
con schegge
di goccia feriscimi
la pelle,
succhiami le spalle
con forza,
bruciami le ciglia
col tuo sole,
colpiscimi la nuca con
i tuoi freschi schiaffi;
con te
so che vincere
non posso,
tuttavia
non mi macchierai,
nè resterà vuoto
il mio scrigno inerme
e azzurro.

 

 

zERO
 
Sto
sfamando corvi
nel tuo petto,
sfamando corvi
e granchi,
finché marcisca
nella risacca
l'uragano.
 
 
 
Epilogo di lacrime
 
SEI DI SERA
 
Quando arriverà la mia morte
saranno le sei di sera,
sarò vestita di porpora e pronta,
con occhi scintillanti
le darò il benvenuto.
Scriverò sulla sua fronte
la mia ultima poesia,
questa,
e come ringraziamento
lei mi lascerà
ancora
in vita,
finchè la poesia
non si prosciughi
in me.

 

 

Poemas en Español

.
 
 
 
 
 
 
 
 

silviafavaretto.jpg

SilviaFavaretto ha pubblicato lesue composizioni in varie edizioni come l’antologia di poesia contemporaneaitalianaFiori di campo (JoppoloEditore, Milano, 1997),Niente GuerraeDonna e Poesia(Circolo Pessoa,Roma, 1998), nella rivista letteraria “Ivolet”, e nelle antologie di narratoriitaliani contemporanei (Penna D’autore, Torino, 1999). Ha ottenuto svariati premi letterari come ilconcorso di poesia INVES (Palermo, 1998), quello di Fiabe VALLE SENIO (RioloTerme, 1999), il premio di videopoesia “Giuseppe Malattia della Vallata” (2002 e2003) con il regista Christian Panebianco. Sue poesie sono state scelte e utilizzate nella rappresentazione teatraleLA CARNE (di Bulgarelli e Contarese, Modena, 2000). Ha partecipato a festival diletteratura in Europa e America Latina come ilFestival Internacional de Poesía deMedellín(Colombia, 2000), la fiera del libro di Bogotà (Colombia, 2002) e ifestival dell’Universidad del Norte(Barranquilla, Colombia, 2002) e dell’Universidad del Magdalena(Santa Marta,Colombia, 2002), alFestival de poesía deXela(Quetzaltenango, Guatemala, 2003) e alEncuentro permanente de poetas del Salvador(San Salvador, El Salvador, 2003). Come traduttrice ha pubblicatole sue versioni in italiano di poeti latinoamericani, tedeschi e inglesi indiverse riviste letterarie dove collabora anche come saggista. Ha pubblicato in Colombia il suo primo libro di poesia bilingueLacarne del tiempo (Artificios,Bogotà, 2002) e in Italia la fiabaLafarfalla Rossella(Az. Osp. Santa Maria Degli Angeli, Pordenone, 2003). Sidedica alla ricerca presso l’Università di Venezia e ha curato l’edizione delvolumeNarrative cubane contemporanee(Ca’ Foscari, Venezia, 2003) e collabora alla realizzazione di videopoesie e videodocumentari poeticioltre a svolgere la professione di insegnante e traduttrice.

 

 

 
 
 
 
 
 
 

Los derechos de los trabajos publicados en Herederos del Caos  corresponden a sus respectivos autores y son publicados aquí con el consentimiento de los mismos. Se prohíbe la reproducción múltiple sin la autorización previa.

 

 

 

copyright©herederos del caos (2006-2008)

 

herederosdelcaos@mail.com

 

 

Heirs of Caos is a noprofit Cultural proyect. Which Promotes a Artistic works with an emphasis on poetry and fiction. Heirs of caos receive no monitary benefit for their publication. All projects remain property of their individual creators